L’etichetta di questa eccellenza vuole sottolineare le antichissime origini, riconducibili al periodo Würmiano del Lago benacense e delle colline moreniche che ne fanno da splendida cornice.
Ottimale contesto pedoclimatico in cui poter coltivare l’uva regina del territorio veronese: la Corvina. Agli inizi degli anni 90 Nino Zeni, padre di Fausto, Elena e Federica, enologo virtuoso, si dedica inoltre alla coltivazione di Cabernet Sauvignon e Merlot in un appezzamento ideale fronte lago. Vi era un idea nella sua mente, era quella di un nuovo vino, un espressione moderna del nostro territorio, un blend armonico dove la tipicità e l’eleganza della Corvina si fondono con l’internazionalità e la struttura di Cabernet Sauvignon e Merlot, creando un prodotto unico ed equilibrato.
Le uve, raccolte meticolosamente a mano selezionando i migliori grappoli, vengono lasciate leggermente appassire in appositi plateaux nel fruttaio in Bardolino.
Con una controllata fermentazione sulle bucce si ottiene un vino dall’interessante gradazione alcolica (14% da etichetta) ma non eccessivamente secco.
Il rosso rubino carico stimola il ricercare nel complesso bouquet note di frutta matura e spezie. Il sapore pieno, morbido e persistente bene si abbina a piatti della tradizione come paste al sugo e carni rosse ai ferri.

VAI ALLA SCHEDA DEL VINO